Domenica 3 Giugno 

 

Con tanto sgomento il Nostro Presidente Andrea Monaco, a seguito della visita ispettiva annuale presso il sito di vallevò dove il Cristo degli Abissi è stato collocato nel 1994, ha effettuato questa terribile scoperta: la statua non era presenta sul sito, dove era stata ricollocata lo scorso Agosto a seguito di una manutenzione straordinaria dopo 23 anni dalla sua posa in opera. 

Reazione di sgomento e di denuncia segnano questo inizio di stagione estiva 2018 con una notizia così triste, il Cristo degli Abissi è stato sottratto alla comunità di Vallevò, al comune di Rocca San Giovanni che l’ha ospitata per tutta la stagione estiva 2017 rendendola fruibile agli scatti degli appassionati.  Il Cristo, simbolo religioso, che l’artista lancianese Vito Pancella ha lasciato alla comunità tutta ed ha conferito all’Associazione Orsa Minore Sub di Lanciano la custodia e la manutenzione  della statua bronzea è un’attrattiva locale che ogni prima settimana di agosto si festeggia presso il porticciolo di Vallevò.  La statua è alta 83 cm, 25 kg di peso, bronzo lavorato dalle sapienti mani dell’artista ormai scomparso nel 2005; la statua mostra tutta la sua presenza, la sapienza con le mani rivolte al cielo ad esortare il divino ed a battezzare tutti  gli abitanti del mare, noi sub e simbolo di una comunità legata e devota al Cristo degli Abissi. Poggiata su di un basamento in cemento ed incernierata ad esso per mezzo di viti si erge dal fondale e proseguendo con la sua veste drappeggiata che la rende morbida, quasi ad essere stata modellata dalle correnti marine è protetta da tre scogli circostanti quasi a volerla preservare all’interno del Nostro mare. Il triste ritrovamento del solo basamento in cemento ricoperti da mitili e microrganismi del sottocosta Adriatico fà pensare ad un furto commesso da almeno due mesi, su di esso si riscontrano 3 viti-prigionieri integre perfettamente verticali ed uno solo piegato, probabilmente l’ultima svitata nella fase furtiva, per di più  sulla sommità del basamento vi era un brandello di rete collocata senza una precisa spiegazione. Sicuramente i ladri subacquei hanno agito in notturna, visto il peso della statua e la complessità dell’operazione si presume siamo stai in diversi;  trattasi di un pool di subacquei di frodo? Chi può saperlo!   riportiamo un commento a caldo del Presidente Andrea Monaco:    Il furto è stato denunciato presso la Compagnia dei Carabinieri di Fossacesia, competente per territorialità, 

Aggiungi qui il testo dell'intestazione